«Nei cortei rischio di infiltrazioni Br»

Dietro la protesta studentesca il rischio del terrorismo. A far sentire la loro presenza nei cortei di questi giorni ci sono infatti anche gli esponenti di una realtà cui da tempo le forze di polizia guardano con preoccupazione: una struttura «informale» chiamata Olga (la sigla sta per «Ora di liberarci da tutte le galere») che ha tra i suoi ideatori Maurizio Paolo Ferrari, già militante (non pentito) delle Brigate rosse, e che ha tra i suoi obiettivi primari la saldatura tra i gruppi «antagonisti» e il mondo del carcere.