«Nei fondi possiamo essere indipendenti»

Intesa Sanpaolo ha le dimensioni giuste per gestire in modo autonomo le attività di asset management e di credito al consumo giocando un ruolo «indipendente». Tanto che, sebbene non sia stata ancora detta l’ultima parola, ha osserva l’amministratore delegato Corrado Passera all’assemblea dei soci, la superbanca sta al momento lavorando al riacquisto della Sgr dal Crédit Agricole e alla sua successiva integrazione con Sanpaolo asset management. A differenza di quanto è accaduto in questi anni, la fusione con Torino consente infatti a Intesa di affrontare direttamente anche il mondo dei fondi di investimento perché, ha proseguito Passera, «raggiungiamo cumulativamente una dimensione che ci permette di stare in partita». L’altra soluzione prevista dagli accordi sarebbe costruire con Parigi un gruppo di fondi paneuropeo.