Nel 2006 sbarcati 22mila clandestini

Sono 22.016 i clandestini sbarcati sulle coste italiane nel 2006, con una riduzione, rispetto all'anno precedente, del 4,5%. La maggior parte degli sbarchi è avvenuta sulle coste siciliane<br />

Roma - Nel 2006 sono sbarcati sulle coste italiane 22.016 clandestini, con una riduzione, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, del 4,5% (22.939 erano stati infatti gli arrivi nel 2005). Lo comunica il Viminale sul suo sito internet. La maggior parte degli sbarchi è avvenuta sulle coste siciliane, dove nel 2006 sono arrivati 21.400 extracomunitari (22.824 nel 2005) mentre in Puglia sono stati solo 243 (19 nel 2005) e in Calabria 282 (88 nel 2005). Di questi, 8.146 sono di nazionalità marocchina, 4.200 egiziana, 2.859 eritrea e 2.288 tunisina. La diminuzione, seppur lieve, segnala il Viminale, "segna un'importante inversione di tendenza (nel 2005 gli sbarchi erano quasi raddoppiati rispetto al 2004) e testimonia la proficua attività di cooperazione con i maggiori Paesi del nord Africa e, in particolare, i passi avanti fatti nel dialogo con la Libia, che ha contribuito alla diminuzione del fenomeno".