«Nel 2007 Eurofly sarà in utile»

Massimo Restelli

da Milano

L’esercizio chiuderà in rosso ma dal prossimo anno Eurofly tornerà in utile grazie a un’azione combinata che permetterà di aumentare la produttività e di puntare sul traffico di linea. A esserne convinto è il vicepresidente Sandro Capotosti che fissa la svolta a fine mese, quando «l’attuale management dovrà presentare il nuovo piano industriale» del gruppo che è stato portato in Borsa dal fondo Profilo Spinnaker (44%) con un aumento di capitale puro.
Eppure da tempo si addensano le voci su un’uscita dell’ad Augusto Angioletti...
«Il consiglio si è confrontato con il management con una richiesta forte. La valutazione del progetto sarà cruciale per capire se le linee guida saranno condivise dal board o se occorre una discontinuità».
Quali sono le linee guida?
«Con 234 milioni di ricavi a fine settembre Eurofly è in buona salute ma ha bisogno di aumentare la propria redditività. Per questo sarà migliorata la qualità del fatturato con un più efficiente utilizzo della flotta. Non penso solamente al cosiddetto load factor perché abbiamo capacità produttiva che deve ancora essere valorizzata. Intendiamo inoltre aumentare il peso del traffico di linea rispetto al charter sfruttando le carenze dei concorrenti. Avremo altri aerei a servizio di rotte verso l’India e saranno aperte nuove tratte per ridurre il peso del Mar Rosso sul medio raggio. Anche il MiMa, il volo esclusivo Milano-New York, dovrà presto iniziare a guadagnare».
Eurofly quando farà utili?
«In questi tre anni è stato compiuto un grande lavoro di crescita ma i parametri Ias e la perdita di un cliente importante come Teorema hanno pesato. Eurofly ha già sostituito questi ricavi ma sconta un anno ritardo, in ogni caso dal 2007 tornerà al profitto e quindi, spero, al dividendo».
Spinnaker vuole vendere?
«Eurofly è un soggetto aggregante perché ha ancora disponibilità finanziaria e un patrimonio netto prossimo a 40 milioni. Profilo Spinnaker è però un fondo che per sua stessa natura ha un preciso orizzonte di investimento. Per questo il cammino di consolidamento di Eurofly procederà in parallelo alla ricerca di un partner industriale anche di ambito internazionale».