«Nel 2007 Juve vincente e convincente»

Un solo obiettivo: risalire in serie A. E tornare ad essere una delle più grandi squadre d’Italia. Ha le idee chiare il presidente bianconero Giovanni Cobolli Gigli, che per il 2007 vuole «una Juventus vincente e convincente». Il numero uno di corso Galileo Ferraris traccia un bilancio di questi ultimi mesi: «È stato un anno difficile - ha dichiarato ai microfoni dell’emittente Grt -, tra la retrocessione e la tragedia dei due ragazzi delle giovanili». Di sicuro l’annata peggiore della storia del club. Ma Cobolli trova comunque motivo di ottimismo: «Siamo usciti dal gorgo della giustizia sportiva. Il mio operato da presidente? Sufficiente». E per il futuro? «Il processo di ricostruzione della squadra è già partito - ha aggiunto Cobolli Gigli -. Nel 2006 non abbiamo mai perso e dal primo semestre del 2007 mi aspetto la promozione». E poi, qualche innesto per rilanciare la Vecchia Signora «ma senza nomi roboanti». Anche perché le casse bianconere, dopo l’annunciato divorzio dallo sponsor Tamoil, sembrano in crisi: «Era una separazione annunciata - minimizza il presidente -. E le occasioni per trovare un nuovo marchio non mancheranno di certo».