Nel 2009 pugni mondiali a Milano

Uno scontro fino all’ultimo con la Corea del Sud. Alla fine i campionati mondiali dilettanti di pugilato del 2009 sono stati assegnati a Milano. «Una vittoria per tutta la città» è stato il commento a caldo dell’assessore comunale allo Sport Giovanni Terzi, appena è venuto a sapere con una telefonata da Chicago dell’assegnazione.
«Era dalle Olimpiadi di Roma del 1960 - spiega Terzi - che l’Italia non ospitava una competizione pugilistica del genere. Questa è la dimostrazione che Milano è sempre più pronta ad ospitare eventi di livello internazionale». La presenza di 120 nazioni, con atleti e staff tecnici, metterà alla prova la struttura organizzativa milanese per i ventidue giorni della competizione.
Grande soddisfazione è stata espressa anche da chi era negli Stati Uniti a presentare la candidatura italiana e ha sperato fino all’ultimo che questa volta l’Italia ce la facesse. In testa le istituzioni milanesi e il presidente della federazione italiana pugilistica Franco Falcinelli. «Nella nostra presentazione abbiamo detto che metteremo a disposizione tutti gli impianti sportivi: dal Forum di Assago al Palalido» spiega Paolo Taveggia del comitato promotore. Il torneo avrà inizio tra fine di agosto e l’inizio di settembre 2009.