Nel breve periodo previsti ancora rialzi del listino

Da entrambe le sponde dell’Atlantico si è tirato un respiro di sollievo per la soluzione dell’affaire Grecia che ha permesso lo sblocco dei prestiti e allontanato lo spettro di un default sistematico. Il quadro economico generale è ancora debole ma con degli spunti positivi di difficile interpretazione sullo sviluppo del trend futuro.
Il Ftse-Mib future ha segnato un minimo 19080 nella zona di possibile acquisto (18500-19200) raggiungendo poi in chiusura di ottava il livello 20420-20475, stimato per la vendita. Quest’ultima quota mantiene intatta la forza operativa delimitando nel breve periodo la continuazione del rialzo con gli indicatori vicini all’ipercomprato. Nel lungo periodo sarebbe molto negativo il cedimento di quota 17900, mentre il superamento di 21200 sarebbe un chiaro segnale di positività.