Nel cda di dicembre Scaroni informa sull’interesse libico

Nel cda di Eni prima delle festività natalizie, atteso il 17 dicembre, è possibile che l’ad Paolo Scaroni parli dell’interesse della Libia ad acquistare una quota del capitale del colosso petrolifero italiano. In in un’intervista a Reuters l’ambasciatore libico a Roma Hafed Gaddur ha detto che la Libia non punta a una quota specifica di Eni e che il suo obiettivo non è il controllo. Gli acquisti avverrano sul mercato in modo graduale e al giusto prezzo, ha sottolineato. Il ministro degli Esteri, Franco Frattini ha definito congrua la quota dei libici intorno all’8% del capitale, mentre «se arrivasse al 10% cominceremmo ad avere qualche preoccupazione». E per Berlusconi la Libia è un «partner conveniente».