Nel Cuneese la stagione invernale non fa aumenti

Ce l'hanno fatta: le stazioni sciistiche di Viola St.Greè e Garessio 2000, riaperte nel 2010 dopo oltre 10 anni di inattività, aprono la stagione 2011-2012 più forti che mai e con prezzi concorrenziali: sono le stazioni più «basse» dalla Atl Cuneo, le stazioni in cui si può sciare e guardare il mare. Ma non solo: sono il sintomo che anche in tempi di crisi, una gestione oculata del territorio richiama turisti e non smette di crescere. La Granda sta facendo tanto per consolidare la presenza dei flussi di turisti liguri che ogni anno scelgono la provincia di Cuneo per sciare, ma anche per attirare nuovi flussi. «Quest'anno il piano di promozione è il più forte degli ultimi 12 anni: oltre a Modena, Genova e Milano, quest'anno saremo anche a Torino, Savona e Nizza»: così il direttore di Atl Cuneo, Paolo Bongioanni, che ha aperto la serata inaugurale a Frabosa Sottana. «Quando una stagione sciistica va bene, la ricaduta economica nel cuneese è pari a 230milioni di euro» sottolinea l'assessore provinciale al turismo Pietro Blengini: «quest'anno per venire incontro alle esigenze delle famiglie, moltissime stazioni hanno deciso di non aumentare le tariffe. (...)