Nel giorno delle mimose le donne tradiscono i mariti

Scelta per lo meno originale di festeggiare l’8 marzo da parte di un gruppo di signore moscovite. Il «Club dell’8 marzo» è sorto per protestare contro una festa ritenuta ipocrita, «l’unico giorno dell’anno in cui gli uomini sono gentili e offrono fiori alle loro donne». Le 200 iscritte consultano una lista di uomini disponibili per incontri «una tantum», individuati in una cerchia di amici, amici di amici ed ex fidanzati. La regola è che l’incontro può avvenire solo l’8 marzo e una sola volta con lo stesso uomo. L’anno dopo, se si vorrà di nuovo tradire il marito, lo si dovrà fare con qualcun altro. «Apprezzo queste donne - ha detto un prescelto -. Pochi tradimenti, ma molto migliori».