Nel Milan di coppa torna Dida

Nostro inviato a Milanello

«L’Arezzo è un ostacolo da superare perché vogliamo andare avanti in coppa Italia, senza perdere di vista l’impegno con la Lazio, un appuntamento importante nella gestione delle risorse dei giocatori». Vigilia di coppa, così ha spiegato Ancelotti il quarto di ritorno al Comunale di Arezzo senza Kakà: «Fermo per precauzione ma ci sarà nel posticipo di domenica», con il rientro di Dida a mezzo servizio: «Giocherà un tempo» e la presenza di Storari: «Viene con noi ma entra in lista la prossima partita». Altre cose importanti: ricucito il rapporto con Inzaghi. «Ha fatto un errore e l’ha capito - ha detto Ancelotti -. Non mi ha cercato, all’interno di uno spogliatoio è difficile nascondersi. Gourcuff? Sta tornando ai suoi livelli come Ambrosini che era già pronto per giocare il Trofeo Berlusconi. Lui sta molto bene, ha lavorato tantissimo e con pazienza, ha caratteristiche uniche ed è molto importante per questa squadra». Nel finale le domande scomode: «Il Chelsea? Il mio inglese è un disastro, ma non preoccupatevi, questa storia non diventerà il tormentone della prossima estate come successe con il Real Madrid».