Nel piano del Comune per il voto maxischermi e 3mila vigili

Un maxischermo in piazza del Campidoglio per seguire i risultati dell’elezione del sindaco, con un grafico aggiornato in tempo reale. È questa la principale novità delle misure predisposte per la prossima tornata elettorale presentate ieri dal commissario prefettizio Mario Morcone proprio mentre prendeva piede l’ipotesi di un rinvio dell’election day a causa del pasticcio-Pizza. In attesa di sciogliere il dubbio, ecco cosa c’è da sapere.
I numeri. Cinque sono le schede: Camera, Senato, Comune, Provincia e municipio. Gli iscritti al voto sono 2.158.922 (il 53,5% donne), 46.991 i «novizi», le sezioni 2600 più 81 «volanti» in ospedali e carceri. Le persone che lavoreranno alle elezioni saranno solo a Roma 29.064. Le urne saranno aperte per 22 ore dalle 8 alle 22 di domenica e dalle 7 alle 15 di lunedì.
Tessere elettorali. In caso di smarrimento, deterioramento o furto, i cittadini possono rivolgersi all’ufficio elettorale di piazza Guglielmo Marconi 26/c per ottenere un duplicato o richiedere un attestato sostitutivo al proprio municipio.
Il rischio-code. Per evitare le lunghe code, Morcone invita i romani a evitare il concentramento in determinati orari della giornata cercando di individuare «orari strategici».
L’appello ai presidenti. Quest’anno le operazioni nelle sezioni elettorali saranno un vero tour de force con emolumenti per presidenti di sezione, segretari e scrutatori davvero modesti. Concreto è dunque il rischio di rinunce. «Le elezioni sono un esercizio di democrazia importante - ricorda Morcone -. Ci aspettiamo che dalle liste dei presidenti di seggio non ci siano le emorragie degli anni passati». Pronta comunque una lista di studenti di Giurisprudenza e Scienze politiche, «disponibili a essere chiamati».
Telefonini vietati. Morcone ha poi invitato a non sottovalutare il decreto legge che vieta di introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare. «Lasciate i cellulari a casa o al presidente di seggio», l’invito di Morcone.
Scrutini. Per le politiche inizieranno alle 15 di lunedì (Senato e poi Camera), per le amministrative alle 14 di martedì (in quest’ordine: Provincia, Comune, municipio).
Vigili in campo. Saranno 3mila, altri 400 rimarranno a disposizione.