Nel risiko della birra Budweiser pronta a bersi la Corona

Grandi manovre nel mondo della birra: Anheuser-Busch InBev, il gruppo a cui fa capo Budweiser, si prepara a bersi la Corona. Il numero uno mondiale del settore conferma infatti l’esistenza di trattative con la messicana Grupo Modelo, che produce la Corona, per rilevare la quota non ancora in suo possesso. Anheuser-Busch InBev è il maggior gruppo al mondo di birra per vendite: è nato nel 2008, quando la belga InBev ha acquistato il produttore della Budweiser, il gruppo statunitense Anheuser-Busch, per 52 miliardi di dollari, ereditando al tempo stesso il 50% del colosso messicano della «bionda». Ora Budweiser si prepara a completarne il controllo, grazie al quale potrà consolidare la propria leadership a livello globale. Grupo Modelo infatti è il numero uno di un mercato in forte espansione come il Messico, in un momento in cui la crisi sta colpendo duramente i consumi in Europa, ma quel che più conta possiede un marchio popolarissimo anche al di fuori dei confini nazionali, quello appunto della Corona. Il valore dell’operazione - riporta il Wall Street Journal - potrebbe essere di 12 miliardi di dollari: il titolo di Anheuser-Busch Inbev ha beneficiato dei rumors in una giornata negativa per tutte le Borse europee. Il colosso Aneheuser Busch-InBev aveva già aperto l’anno nel segno della acquisizioni, rilevando per 2,5 miliardi Cerveceria Nacional Dominicana, produttore della birra Presidente, consolidando così la posizione di forza che il gruppo ha nella zona caraibica e sud americana: in Brasile la controllata AmBev da sola rappresenta il 70% del mercato totale.