Nell’Argentina Messi fa subito gol E il Barcellona lo lascia a Pechino

Con Riquelme a ispirare e Messi a concretizzare, l’Argentina ha centrato la vittoria nella gara più complicata del girone, contro la Costa d’Avorio, pericolosa con le sue verticalizzazioni. Il successo porta la firma d’oro proprio di Messi, definitivamente liberato dal Barcellona, autore del primo gol e determinante nell’azione che ha portato al raddoppio, siglato da Acosta. Riquelme ha dato anima e cervello, lanciando a rete Messi, anche a 5’ dalla fine, quando il gioiello del Barcellona ha seminato il panico nell’area ivoriana. Ha sparato sul portiere, sulla ribattuta corta Acosta ha appoggiato in gol. È stato il sospiro di sollievo dell’Argentina, perchè Cissè, cercato dalla Roma, con uno stacco di testa in mezzo all’area, aveva portato gli africani al momentaneo pareggio. L’accordo tra il presidente dell’Afa Julio Grondona e il Barcellona prevede che la stessa federcalcio argentina si faccia carico dell’ingaggio di Messi (nella foto) in caso di infortunio. In cambio della partecipazione alle Olimpiadi, sarà esentato da tutte le amichevoli della stagione.