Nell’esilio di Finale il Teatro della Tosse racconta le favole

Debutto il 25 luglio, con la speranza di tornare nel 2006 allo Sperone

Francesco Gambaro

Sarà l'antica fortezza genovese di Castelfranco, nel cuore di Finale ligure, a far da sfondo quest'estate agli spettacoli del Teatro della Tosse. Anzi, allo spettacolo per antonomasia: la "Notte delle favole", testo e regia di Tonino Conte, pronto a debuttare lunedì 25 luglio alle 21.30 (fino al 30 luglio), per poi trasferirsi nel borgo medievale di Apricale, dal 5 al 15 agosto. Lo spettacolo è promosso dalla Regione Liguria, dal Comune di Finale ligure e da quello di Apricale.
Amatissima dal pubblico genovese e ligure, la Notte delle favole ritorna quest'anno in una veste completamente rinnovata. Non più nei chiostri di Santa Caterina a Finale ligure, ma nel complesso fortilizio della medesima località. Una sorta di teatro in forma di favola all'interno di un contesto «che ricorda molto da vicino Forte Sperone, però meglio restaurato e soprattutto agibile», per dirla con le parole (un po' polemiche) di Sergio Maifredi, vice direttore del teatro della Tosse. Perché la lingua batte dove il dente duole.
È, infatti, dal 1998 che Forte Sperone non ospita più gli spettacoli della compagnia teatrale. Un'assenza pesante sottolineata ieri durante la presentazione del palinsesto in Regione anche da Tonino Conte: «Purtroppo non abbiamo il piacere neanche questa volta di svolgere lo spettacolo a Genova, è un fatto assurdo». Parole che rappresentano un assist per l'assessore regionale alla Cultura, Fabio Morchio. «Anche noi vogliamo che il teatro della Tosse ritorni a Genova. Ci stiamo attrezzando insieme al Comune perché questo avvenga fin dal prossimo anno».
Le premesse ci sono. Spiega Morchio che sia il Forte Sperone, sia il Forte Begato sono stati, su istanza della Tosse, inseriti nell'elenco degli «immobili maggiormente significativi» della Regione. Quindi entrambi i complessi potranno, attraverso le procedure della legge 30, ricevere i contributi per la necessaria riqualificazione.
Promesse e polemiche a parte, lo spettacolo che andrà scena a partire dal 25 luglio si presenta in una versione rinnovata. Emanuele Conte ha ridisegnato le postazioni nelle quali sono ambientate otto favole tratte dalle raccolte di Perrault, dei fratelli Grimm e di Hans Christian Andersen. Qui, nei costumi firmati da Bruno Cereseto e Lele Luzzati, recitano gli attori Nicola Alcozer, Alberto Bergamini, Enrico Campanati, Bruno Cereseto, Pietro Fabbri, Lisa Galantini, Simona Guarino, Rosario Lisma, Valentina Picello, Lorenza Pisano, Giovanna Rossi, Mariella Speranza, Alessandra Torre. Regista assistente Amedeo Romeo.
Oltre a Finale ligure e Apricale (dove la Notte delle favole inaugurò l'avventura della Tosse nel 1990), lo spettacolo verrà rappresentato ad Alatri (20 agosto) al Festival Teatro all'Ombra dei Ciclopi e a Foligno per il Festival Segni Barocchi, il 31 agosto e il 1 settembre. Per venire incontro agli spettatori, da quest'anno il teatro della Tosse organizza pullman da Genova e da Savona e un bus navetta dalla stazione di Finale Ligure alla fortezza di Castelfranco, a partire dalle 20.30, fino alla fine dello spettacolo.
I pullmann si muoveranno da Genova lunedì 25 e martedì 26 luglio, con partenza da piazza della Vittoria alle 19. Da Savona il 26 luglio. A tutti i viaggiatori sarà offerto un cestino con la merenda di Cappuccetto Rosso. A proposito di favole. Nell'estate della Tosse non potevano mancare alcuni appuntamenti per i più piccoli. Come «I Tre Nasoni» con i burattini di Luzzati e Cereseto protagonisti ad Apricale il 20 luglio. Ingresso gratuito. Con la «Favola del flauto magico» i burattini di Luzzati e Cereseto si sposteranno poi a seguire il Festival itinerante del Teatro di Figura a Broni e Valdinizza in provincia di Pavia. I prezzi: a Finale ligure e ad Apricale biglietti a 10 e 12 euro. Per informazioni ci si può rivolgere allo 0196816004, oppure allo 0184208641.