Nell’Europeo senza Italia derby italiano per la finale

Per un'Italia che esce malconcia dalla rassegna continentale di Mosca ce n'è invece un'altra che vince. E convince.
Nella prima delle due semifinali in programma oggi (alle 15.30) si fronteggeranno infatti la Spagna di Andrea Anastasi e la sorprendente Finlandia, guidata da Mauro Berruto. Sfida inedita nei quartieri alti dell'Europa che conta. Ma se il più vincente ed esperto tra i due è certamente Anastasi, ct azzuro dal '99 al 2002 (due World League e un Europeo in bacheca), è Berruto l'artefice del vero miracolo del torneo.
Perché se la squadra allenata da Anastasi, in Spagna dall'inverno del 2005, era già arrivata in semifinale due anni fa e può contare su un movimento nazionale in piena crescita, Berruto - un passato come assistente di Montali in azzurro - poteva già considerarsi soddisfatto di aver conquistato la qualificazione agli Europei: impresa che i finnici attendevano da ben dieci anni. Figuriamoci arrivare fino alle semifinali, traguardo neanche mai sognato prima del suo arrivo.
E proprio un salto di qualità era quello che i dirigenti della federazione finlandese avevano chiesto al tecnico italiano e a giudicare dal cammino compiuto finora si direbbe che il lavoro di Berruto abbia dato i suoi frutti: i suoi hanno ben figurato fin dalla partita d'esordio contro gli azzurri di Montali.
Nella corsa verso la finale, il tecnico piemontese - che è anche autore di due romanzi ambientati nel mondo dello sport - cercherà di aggiungere un capitolo alla fiaba europea. Per farlo dovrà però fare i conti con la Spagna allenata da quella vecchia conoscenza del volley azzurro che è Andrea Anastasi.
L'avevamo lasciato dimissionario da ct dell'Italia dopo la deludente eliminazione nei quarti al Mondiale 2002. Lo ritroviamo ora come tecnico di una formazione giovane ed emergente come quella spagnola.
«Mi auguro di poter aiutare questo movimento a crescere» aveva detto il giorno dell'insediamento nella panchina iberica.
A Roma, nel 2005, la Spagna terminò la sua corsa in semifinale contro la Russia al termine di un tiratissimo match portato al tie break: Anastasi oggi ha la possibilità di mantenere la promessa e fare persino meglio.