Nell’inchiesta su Consorte c’è anche Zulli

Nell’inchiesta su Giovanni Consorte entra un nuovo nome: quello del commercialista Claudio Zulli. Zulli è indagato per riciclaggio. In particolare i Pm Eugenio Fusco, Francesco Greco e Giulia Perrotti hanno seguito e ricostruito i movimenti di 11,3 milioni di euro, appartenenti alla coppia Consorte-Sacchetti, rientrati, fra il 2001 e il 2002, in Italia via Lussemburgo utilizzando lo scudo fiscale e accreditati alla Popolare di Lodi. Il viaggio del denaro, che secondo i Pm è frutto di reato, è stato assai complicato e i Pm sospettano proprio che Zulli abbia contribuito «a ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa». Zulli è un professionista di grande spessore. È fra l’altro il commercialista di Chicco Gnutti e si appoggia allo studio Vitali, Romagnoli Piccardi, in pratica l’ex studio di Giulio Tremonti che ha cambiato nome quando il titolare è diventato ministro del governo Berlusconi.