Nell’ospedale di Siena sigilli a un ventilatore

Nuovo sequestro all’ospedale di Siena per l’inchiesta sulla morte di un paziente, che potrebbe presentare analogie con quanto accaduto a Castellaneta. I carabinieri del Nas di Firenze hanno messo i sigilli ad un ventilatore in uso nella sala angiografica dove fu operato il paziente poi deceduto. L’apparecchiatura sequestrata era stata sostituita, a fine marzo, con un nuovo ventilatore. Proprio quest’ultimo macchinario aveva rilevato anomalie il 29 marzo. Tuttora l’apparecchio è sotto sigilli e i tempi per la sua riapertura si dovrebbero allungare così come quelli dell’indagine. Nell’inchiesta sono indagati, per omicidio colposo, il responsabile e un tecnico dell’Ossitalia di Bitonto.