Nella difesa della Samp fino al 2008 ci sarà Sala

Il giocatore è stato prelevato a titolo definitivo e gratuito dall’Atalanta In attacco è arrivato Borriello dal Milan

Gabriele Remaggi

Due colpi di mercato, nella giornata di ieri, in casa Sampdoria. Il primo e più eclatante è quello che la società di Riccardo Garrone ha concluso in serata. La Sampdoria ha infatti prelevato a titolo definitivo e gratuito dall’Atalanta il difensore Luigi Sala. È da qualche settimana che si parlava con insistenza del suo arrivo. Il difensore, trentun’anni, ex di Chievo e Milan, ha firmato un contratto che lo lega alla società blucerchiata fino al 2008.
È invece Marco Borriello il nuovo attaccante atteso alla corte di Novellino. Sampdoria e Milan ieri mattina hanno formalizzato l’accordo, nell’aria già da qualche giorno, per il prestito del giovane attaccante. Reduce da un’altra stagione in prestito alla Reggina. Una stagione non particolarmente felice, con trenta presenze e due sole reti, per un giocatore giovane di cui si aspetta la conferma delle doti che ha fatto finora intravedere. Lo staff tecnico blucerchiato, evidentemente, è convinto di poter tirare fuori le qualità che Borriello possiede, innegabilmente. Cresciuto nel Milan, i rossoneri continuano a credere in lui, visto che concedono solo il prestito, ma in una corazzata come quella milanese difficilmente potrebbe trovare spazio per crescere ancora e fare esperienza. Più probabile che ci riesca nella Sampdoria sotto la guida attenta di Novellino, e con una squadra che il prossimo anno avrà da giocare anche le coppe europee, e quindi ha bisogno di una rosa più larga di quella degli ultimi due anni, e con la possibilità, per tutti i suoi giocatori, di trovare posto. E con Novellino che se lo merita gioca, senza tanti fronzoli. C’è chi vede in questo prestito la possibilità che Bazzani passi al Milan, ma sembra difficile che la Sampdoria non cerchi di ricavare denaro sonante per la cessione di quello che è stato uno dei suoi giocatori simbolo, prima della sua scelta di andare via per incomprensioni con Novellino, e con lo scambio di prestiti risparmierebbe solo sull’ingaggio, essendo di sicuro più leggero quello di Borriello. Col rischio, anche, che Bazzani, che diventerebbe la quinta punta dei rossoneri, languisca in panchina, deprezzando così il suo valore di mercato, che già nella passata stagione non si è certo impennato.
Borriello arriva al posto di Fausto Rossini, tornato per fine prestito all’Atalanta e destinato, pare, all’Udinese, e ne prenderà il posto in tutti i sensi, considerando che non sembra Borriello il giocatore scelto per fare la prima punta al fianco di Francesco Flachi. La Sampdoria, infatti, continua ad essere sulle tracce di un altro attaccante, di maggior peso, e di qualità già confermate. I nomi sono i soliti, quelli di Cruz e Tomasson, ma per entrambi bisogna aspettare che si dipani un po’ la vicenda del calcio mercato, con Inter e Milan che devono ancora far combaciare un po’ di cose prima di pensare alle cessioni. E la Sampdoria, lo ha già ampiamente dimostrato, sa aspettare, sa tessere la propria tela in attesa del momento giusto per chiudere le trattative con soddisfazione. Sarà il caso di notarlo ancora una volta, ma per adesso sono arrivati due giocatori in blucerchiato, e per nessuno dei due è stato ancora sborsato un centesimo.
Tornando all’Atalanta e all’acquisizione di Sala i rapporti con la società bergamasca continuano ad essere ottimi, tanto che c’è in via di definizione anche la trattativa per il centrocampista savonese Marcolini, che sarebbe ben contento di avvicinarsi a casa alla soglia dei trent’anni. E tra l’altro della possibilità del suo arrivo in blucerchiato si parla già da qualche stagione, ma per un motivo o per l’altro non si è mai concretizzato: questa potrebbe essere la volta buona.

Annunci

Altri articoli