«Nella fiction non so decidermi se amare un nobile o un operaio»

da Milano

Coprotagonista, insieme a Gabriel Garko, della serie tv Il sangue e la rosa in onda da martedì 2 settembre su Canale 5, Isabella Orsini è una giovane attrice con un viso antico e un’intraprendenza moderna. All’apparenza fragile e distratta («non porto neanche l’orologio» ripete spesso) in Italia ha lavorato con registi come Salvatores, Muccino e i Taviani. Piccole ma inesorabili partecipazioni che l’hanno portata in prima serata dell’ammiraglia Mediaset. E non finisce qui. «Al Festival di Venezia oggi sfilerò sul tappeto rosso accanto a Garko, immediatamente prima di George Clooney e Brad Pitt. Dicesi fortuna».
La vedremo presto nella miniserie Il sangue e la rosa.
«Più che miniserie è un kolossal. Sono stati spesi più di 12 milioni di euro. Anche il cast è stellare, con Giancarlo Giannini, Virna Lisi, Alessandra Martines, Ornella Muti».
Con chi di loro ha potuto approfondire un legame personale oltre che professionale?
«Con Virna Lisi, che per me è la regina del cinema italiano. In un’occasione mi ha anche detto che le ricordavo lei da giovane».
Non è la prima volta che lei recita in costume.
«No, infatti è capitato tre volte. Forse è per via del viso che mi piace mostrare senza trucco. Anche nella vita preferisco la semplicità. In questo ho una mentalità internazionale».
Dopo le trasferte a Los Angeles e a Parigi adesso dove vive?
«Faccio la spola tra Roma e Parigi. Quando mi hanno scelto per Il sangue e la rosa ero in Francia, in procinto di fare il mio primo film come protagonista. Ma poi è sfumato».
Dispiaciuta?
«Se è per questo ho anche pianto. Ma con il senno di poi è andata bene così».
Com’è stato in Francia?
«Bellissimo. Per la correttezza sul lavoro e soprattutto la solidarietà tra donne. Mi è capitato che delle colleghe mi chiamassero per andare a fare un provino insieme. Una cosa impossibile in Italia».
Quindi non ha frequentato le colleghe italiane che vivono a Parigi?
«Qualche volta sì. Con Monica (Bellucci, ndr) ci conosciamo da molti anni. Insieme abbiamo girato Ricordati di me di Muccino. Con Caterina Murino facevamo yoga insieme, mentre sono reduce in questi giorni da una vacanza in Portogallo con Violante Placido, la mia migliore amica».
Niente fidanzato?
«Dopo una convivenza di due anni ora nella mia vita affettiva ci sono solo dei puntini di sospensione».
Di recente Gabriel Garko ha smentito una relazione con lei, nata sul set di Il sangue e la rosa, dicendo anche di essere fidanzato.
«Davvero? Ma se ho visto una copertina di un periodico in cui diceva che era single!».