Nella notte del Poker Club vince Mancini

Dopo un final day di 10 ore ma un heads up durato appena tre mani, Giuseppe Mancini siè laureato campione 2012 de La Notte del Poker Club Lottomatica, format televisivo storico del poker italiano prodotto da Poker Italia24 e giocato al casinò Perla di Nova Gorica. «Stavo scendendo da una vacanza in montagna con la mia compagna, Rugile, a cui dedico la vittoria, e ho insistito per fermarmi a giocare La Notte del Poker Club. Ed ora dovrò darle anche il 10% della quota perché come le avevo promesso», ha detto a caldo Mancini a gioconews.it.
Il 45enne commerciante nel settore dell'abbigliamento e originario di Fasano, provincia di Brindisi, è al suo 11esimo risultato ufficiale. Questo è di sicuro il più prestigioso e inatteso: «Arrivo spesso a premi ma sinceramente non mi aspettavo di vincere e forse neanche di arrivare al final table. Se il field mi ha impressionato? Di sicuro c'erano tanti campioni ma preferisco giocare contro di loro che contro quelli scarsi che sono di sicuro più imprevedibili».
Secondo è arrivato un nome storico del poker italiano, Maurizio Bacci. Per lui un torneo clamoroso. Dopo essersi visto scoppiare un set di 6 da una scala bilaterale chiusa al river di Rosa Pitzolu, era rimasto cortissimo. Poi è risalito incredibilmente fino a chiudere come runner up di Mancini. Ha saputo aspettare, aveva bisogno di un grande risultato e l'ha centrato.
Il torneo è stato come sempre un grande successo: 181 gli iscritti per una gara da 2,200 euro con i nomi più importanti del panorama pokeristico italiano. Mancavano solo alcuni della top money list, ma con Candio, Pescatori, Bonavena, Isaia, Rinaldi e altri impossibili da elencare. Terzo si è piazzato Michele Di Lauro, grinder, ottimo torneista live della scuola bolognese. Da segnalare poi il settimo posto di un Matteo Taddia cui è mancata la zampata finale e il piazzamento in nona posizione di Alex Longobardi: per il Doge di Venezia è il terzo in the money su sei edizioni oltre al secondo final table. Bene anche Giuseppe Conte, pugliese anche lui come il vincitore, che piazza un ottimo final table così come Luca Falaschi uscito un po' con l'amaro in bocca. I due uomini bolla sono Domenico Tresa, 11esimo e fuori dal tv table, e Dino Valzano che invece rimane a bocca asciutta.