Nella saletta del Bagutta Un book party in ricordo di Montanelli

Nella tre giornate della lettura non poteva mancare un omaggio a Indro Montanelli, di cui nel 2009 ricorre il centenario dalla nascita. L’assessore alla cultura Finazzer Flory ha pensato di ricordarlo al ristorante Bagutta, proprio lì dove nel 1951 Montanelli vinse l’omonimo premio con Pantheon minore per i tipi di Longanesi.
Nella famosa saletta del Bagutta, «ultimo ridotto della scapigliatura» come la definì Montanelli, si terrà un book party: davanti a un bicchiere di vino la giornalista e scrittrice Isabella Bossi Fedrigotti, il giornalista Pietro Cheli e lo scrittore Andrea Kerbaker parleranno di Pantheon minore, del premio Bagutta e della figura del fondatore del Giornale. Il ristorante merita di essere visitato anche per una «chicca» storica: su una delle pareti della famosa saletta si può ammirare la carta gialla, ovvero l’atto fondativo del premio, quella notte di San Martino del 1926. Il gruppo dei fondatori, come scrisse Paolo Monelli era composto da «due giornalisti, due pittori, un avvocato, un commediografo, tre letterati e un dandy» ovvero Riccardo Bacchelli, Orio Vergani, Adolfo Franci, Paolo Monelli, Gino Scarpa, Mario Vellani Marchi, Ottavio Steffenini, Luigi Bonelli, Mario Alessandrini, Antonio Veretti e Antonio Niccodemi, i quali, a parte Bacchelli e Monelli, erano abbastanza sconosciuti.
In autunno il Comune ricorderà Montanelli con una mostra.