Nella trasferta di Trieste Soda cambia ancora

Non è stata una settimana facile per gli aquilotti. La sconfitta con il Modena ha lasciato strascischi. Non tanto per come è maturata (autorete al 94'), ma per la non sufficiente prova offerta dallo Spezia, reduce dal trionfo di Marassi. Antonio Soda è stato chiaro: «Gioca chi si impegna. Chi vuol stare, stia. Altrimenti a gennaio si cambia». Troppi giocatori, insomma, non stanno dando quel che possono. E il riferimento è agli acquisti estivi: da Dionigi a Russo, da Confalone a Zamboni, passando dallo stesso Nicola. Così, nella difficile trasferta di Trieste, Soda cambia ancora. Assente forzato Varricchio, in avanti dovrebbe giocare il solo Guidetti, con Alessi a supporto. Tra i pali c'è Santoni, in difesa rientrano Giuliano e Scarlato, dopo la squalifica, e faranno reparto con Maltagliati (o Fusco) e Rossi. A centrocampo, Ponzo, Saverino, Frara e Gorzegno. La Triestina, priva dello squalificato Marchini, è squadra d'alta classifica, che in casa ha però un rendimento alterno: 2 vittorie, due pari e altrettante sconfitte. Arbitra Gervasoni di Mantova. Un precedente, quest'anno, per gli aquilotti: il pari di Arezzo, per 1-1. Che sia di buon auspicio?