Nelle sale italiane si fermano al quarto posto

In attesa dell’inevitabile traino che la vittoria agli Oscar porterà alle casse di Non è un paese per vecchi, il film dei fratelli Coen si è dovuto accontentare, per ora, di un anonimo quarto posto nella classifica degli incassi stilata da Cinetel. Meglio di tutti ha fatto l’appesantito Sly di John Rambo che pur con il fiatone riesce ancora a sprigionare un enorme fascino sul pubblico italiano che l’ha premiato con la prima piazza. Dietro di lui, si è piazzato un altro beniamino delle nostre platee, ovvero lo straordinario e diabolico Johnny Depp di Sweeney Todd, firmato da Tim Burton che ha relegato al terzo posto il mucciniano Parlami d’amore. Interessante il caso di Persepolis che con appena due copie si è sì piazzato diciannovesimo ma con la più alta media per sala del weekend (12.691 euro).