Nelsinho, una sfida alla Piquet: «Se posso vincere, perché no?»

Il debuttante brasiliano smorza la rivalità con il compagno: «Non sono come Hamilton, io devo imparare. Ma se la macchina è da podio voglio salirci»

nostro inviato a Parigi

L’alta diplomazia motoristica era palpabile. Da una parte patron Briatore a precisare con dovizia di particolari il ruolo di Nelsinho Piquet, dall’altra Fernando Alonso a far lo stesso con ampio utilizzo di precisazioni non richieste. In ultimo, lui, il diretto interessato, il giovane belloccio figlio d’arte (suo papà è Nelson, tre volte iridato negli anni Ottanta) che al contrario degli altri due cercava di rispondere nel modo più vago, astratto e generico possibile. Esempio: «Ma no, vedrete, non sarà come con Hamilton, perché Fernando si era trovato in un team inglese, con un pilota inglese gestito da un manager inglese. Qui è diverso, qui è in una squadra francese con cui ha vinto tanto e che lo conosce perfettamente e ascolta le sue indicazioni. Io devo pensare ad imparare e solo quando avrò dimostrato di aver appreso molto, allora, potrò aspettarmi che la squadra dia retta anche a me...». Quindi, quasi fosse un piccolo moto d’orgoglio, quel flebile accenno: «I miei obiettivi? Se la macchina è da podio, vorrei riuscire a salirci, se è da vittoria vorrei vincere». Più che un proposito sa di gol della bandiera.
Perché sono frasi pronunciate quasi sottovoce, con timidezza, caratteristica di cui era totalmente sprovvisto suo padre e – si narra – anche lo stesso Nelsinho. Timidezza, riserbo, chiamiamolo profilo basso che il ragazzo ha pensato di tenere dopo aver capito che la Renault di patron Briatore è tutta, giustamente, per Alonso. «Se mi attendo strane sorprese da Nelsinho? Tipo Hamilton lo scorso anno con Fernando? Le sorprese, in F1, ci possono sempre essere – spiega il gran capo italiano -, però qui è chiaro che Piquet è giovane e deve imparare molto. Però si trova nella situazione ideale di poter apprendere senza stress accanto a un grande campione».
Quindi Alonso, giusto per essere chiari: «Sento che lo sviluppo del team è tutto sulle mie spalle, questo mi piace, mi motiva... Nelsinho un altro Hamilton in squadra? No, con lui il rapporto è buono, è uno sincero, non come prima (sottinteso, Hamilton, ndr). Flavio è poi uno specialista nel controllare che tutto vada bene... Fa sempre il mio nome ai tecnici, dice “Fernando chiede l’auto così, suggerisce questo, vuole quest’altro”...».