Nemmeno Nowitzki ferma gli Usa

Oscar Eleni

Dire che sognavamo una semifinale fra Grecia e Stati Uniti sarebbe troppo, ma ieri, quando i campioni d’Europa hanno spezzato la resistenza francese nell’ultimo quarto e nel momento in cui gli Usa, dopo aver sbattuto contro la zona tedesca, si sono liberati dell’incubo, eravamo abbastanza felici. Domani, grazie alla Rai, vedremo due semifinali mondiali che ripagano la lunga attesa. La Germania ci ha dimostrato che si possono tenere questi americani ancora con le mani fredde (10 su 40 da 3) e la Grecia, con il suo talento tecnico e fisico, ci dirà quanto è ancora grande l’Oceano. Se Spagna ed Argentina sono arrivate in semifinale senza accorgersi di Lituania e Turchia, bisogna dire che greci ed americani hanno sofferto un po’ di più. Per la Grecia (73-56 alla fine), l’ostacolo fisico di una Francia senza Parker ma energica, in una giornata da 29% nel tiro da 3, dopo un primo quarto orribile (12-8), ha voluto dire pensare soprattutto alla difesa, perché sono state le 16 palle perdute dai francesi a decidere una sfida dove Papaloukas ha girato in folle, ma ci hanno pensato Papadopoulos con il suo gancio, un Fotsis chirurgico, il talento Diamantidis.
Per gli americani (85-65 l’esito), convinti di aver capito tutto di questo mondiale, i primi due quarti sono stati da incubo, ma bisogna dire che il 25% nel tiro da 3 dei primi 20 minuti è stato ripetuto con la stessa leggerezza negli altri due quarti. La differenza è stata nei cambi e nella forza fisica. Mentre la Germania si sfiniva, dopo aver avuto un Nowitzki impalpabile all’avvio, con poca sostanza sempre (3 su 12 al tiro) e un Ademola Okulaja da 6 su 7 nel cuore della difesa nemica, per i cervelloni della squadra Usa tutto andava bene grazie alla superiorità a rimbalzo (22 in attacco), oltre a una pressione difensiva che, come con l’Italia, decideva tutto. Insieme all’entusiasmo di Carmelo Anthony (7 su 19 però), al risvegliato LeBron James, nella giornata in cui Wade si è fatto male e ha girato quasi a vuoto (21’, 1 su 11 al tiro, 7 rimbalzi, 5 assist).