Neoassessore Paita: «Attacchi del Pdl? Maschilisti»

«Siamo rimasti tutti stupiti dalla scelta di Chiesa. Mi auguro che si possa recuperare al meglio il rapporto tra noi, di sicuro serve un chiarimento interno al partito per capire cosa sia accaduto, come si sia originato questo cortocircuito». Sono le prime parole in veste ufficiale di assessore alle Infrastrutture di Raffaella Paita che è tornata sullo scontro interno al partito Democratico che ha portato alla sua «promozione» nella giunta regionale guidata da Claudio Burlando: «Chiesa era un bravo assessore - ha aggiunto -. Ora si apre anche la questione del Tigullio che non ha più un rappresentante in giunta. Mi sono ripromessa di essere attenta a quel territorio, una delle mie prime visite sarà proprio lì. Andiamo avanti con Terzo valico e Gronda: da quel progetto non si prescinde».
Raffaella Paita ha 36 anni e il suo curriculum politico parla di una storica militanza nel Pci prima, poi nel Pds e nei Ds prima di proseguire la sua esperienza politica nel Pd: «Una lunga e noiosa gavetta - aggiunge lei - per la quale mi sono stancata di essere riconosciuta come la moglie di Luigi Merlo. Sono stata eletta alla Spezia con 9.300 preferenze ed ero già assessore comunale nella mia città: non arrivo qui per sbaglio». Così la neo assessore cerca anche di replicare alle critiche del centrodestra sul possibile conflitto di interessi che si potrebbe sviluppare tra l’assessorato alle Infrastrutture della Regione e il presidente dell’Autorità portuale di Genova. «Ormai le infrastrutture liguri sono roba tra moglie e marito», aveva detto ironico ieri il coordinatore regionale del Pdl: «È una strumentalizzazione politica da parte di chi, evidentemente, non ha alcun argomento - replica Paita -. Mi sembra anche una polemica dal sapore maschilista».
Intanto, ieri, il Pd ha anche rivisto il suo assetto all’interno del consiglio regionale indicando Nino Miceli, savonese al suo secondo mandato in via Fieschi, come nuovo capogruppo in consiglio in seguito alle dimissioni della Paita entrata in giunta: «I consiglieri Pdl parlano di giunta Burlando al capolinea? Mi sembra siano loro ad aver perso l’autobus», ironizza nella sua prima dichiarazione ufficiale. Come vice è stato scelto Valter Ferrando.