Neonata ritrovata sul cofano di un'auto

Bergamo - Una neonata con poche ore di vita è stata trovata abbandonata in una scatola ai bordi della statale Villa d'Almè-Dalmine a Paladina. A trovarla ieri sera è stata Giada Roncalli, commessa del vicino negozio di calzature "Tre Emme", che racconta: "Ero appena uscita dal lavoro e sul cofano della mia auto ho trovato quello scatolone, era una confezione di pannolini. Pensavo a uno scherzo. Non l'ho aperto, l'ho preso e l'ho posato sul marciapiede. Però mi sono accorta che dentro qualcosa si muoveva. Ho creduto fosse un animale abbandonato e ho chiamato le colleghe. Loro l'hanno aperta ed è spuntato quel piedino. E abbiamo visto quella bimba avvolta in un lenzuolo. Non sapevamo cosa fare, ci siamo messe a ridere e poi a piangere".

La titolare del negozio si è tolta il maglione e vi ha avvolto la bimba, poi l'ha portata nel negozio, dove una delle ragazze ha chiamato carabinieri e 118. La piccola, che pesava due chili e 580 grammi, è stata portata al reparto di patologia neonatale degli Ospedali riuniti di Bergamo, dove è stata chiamata Giada, dal nome della ragazza che l'ha trovata. La bimba, che ha lineamenti italiani, sta bene: è stata messa in una culla termica e oggi sarà sottoposta a una serie di esami e accertamenti. Sembra che sia nata dopo un parto difficile. Intanto la titolare del negozio si è fatta dare dal figlio i vecchi vestitini della nipotina. Intanto i carabinieri stanno cercando di risalire all'identità della madre, ma la zona è troppo frequentata, difficile che qualcuno abbia notato qualcosa.