Neonato nella culla azzannato dal cane: è in fin di vita

PiacenzaAggredito e azzannato senza pietà dal boxer del vicino di casa che lo ha morso nella zona pelvica e genitale e lo ha graffiato al volto e sotto l’ascella sinistra. E' così che ora un neonato di appena venti giorni si trova ricoverato, da venerdì sera, in prognosi riservata all'ospedale di Parma. Sono da poco passate le 17.30 di venerdì quando la madre del piccolo, portando con sè il neonato, decide di andare a trovare la vicina che l'aveva invitata. Al momento dell'aggressione il piccolo stava riposando nella sua culla. Le urla strazianti richiamano al volo l'attenzione degli adulti che si buttano sul cane per strapparlo dal piccolo. Immediata, poi la corsa con l'automobile dei genitori al pronto soccorso pediatrico dell'ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza. Sono le 18.20. Qui, immediatamente, vista l'enorme quantità di sangue perso si decide per il trasporto all'ospedale Maggiore di Parma. Ad accorgliere il piccolo il dottor Emilio Casolari, pronto a intervenire chirurgicamente. Per una delicata operazione di ricostruzione che dura oltre un'ora mentre il professore, solo nelle scorse ore, ha potuto dire: «Dalla situazione attuale è comunque presumibile che il bimbo avrà una "restitutio ad integrum" completa, anche di tutti gli organi pelvici e genitali colpiti dal trauma della lesione». Insomma: tragedia provvidenzialmemente solo sfiorata. Ma sia chiaro: si veglia ora dopo ora che non insorgano complicazioni, soprattutto infezioni. «È un fatto raro, direi eccezionale che un cane morda un neonato – fanno, intanto, sapere i responsabili del Servizio veterinario dell'Ausl di Piacenza, Marco Delledonne e Carlo Riccio - la prima ipotesi che viene in mente è che si tratti di una femmina in sociopatia, o che il cane abbia trattenuto il "cucciolo", il bambino, per sé cui è sempre importante non lasciare i bimbi piccoli completamente da soli con il cane». Riccio fa sapere anche:"sono cose che capitano con bambini di sei o sette mesi che iniziano a muoversi: il cane - spiega - se si avvicinano, dà segnali di distanziamento che il bimbo non riesce a cogliere e, al limite, dà una minima lezione. Ma nessun cane fa male a un cucciolo, sia di uomo o altro, a meno che non abbia problemi psichici". Certo, perchè, infatti, il boxer non è affatto considerato appartenente a una razza pericolosa. Tra le razze classificate a rischio di maggior aggressività, sulla base anche del parere espresso dal Consiglio superiore di Sanità, rientrano, per citare i più conosciuti, bulldog e nemmeno tutte le speci, mastino napoletano, pitbull, pitbull mastiff, pitbull terrier, rottweiler, Nessun cenno ai boxer. Per questo si ritiene che il cane che ha azzannato il piccolo avesse problemi. E adesso sono ore di attesa. L'operazione è riuscita, certo, ma prima di sciogliere la prognosi i medici hanno deciso di attendere ancora qualche giorno. E la comunità locale si è riunita in preghiera. Perchè tutto si risolva al meglio.