Nepal, il re dimezzato: perde il diritto di veto

Katmandu. Il parlamento nepalese ha tolto il diritto di veto delle leggi al re Gyanendra, la cui funzione diventa esclusivamente protocollare. La misura, decisa dal nuovo governo ad interim insediato a fine aprile, è stata adottata sabato sera. Il potere esecutivo appartiene ora al Consiglio dei ministri e quello legislativo al Parlamento. È l'ultimo atto di una serie di leggi mirate a ridurre il peso del re, che lo scorso anno prese il potere con un colpo di Stato. Il 24 aprile, dopo settimane di proteste costate la vita ad almeno 19 persone, Gyanendra aveva rinunciato al potere assoluto e di ristabilire il Parlamento.