Nervi rivive i suoi Parchi con la nostalgia del balletto

I tutù e le calzamaglie di decine di ballerini insieme alle note di Tchaikovsky animeranno per tre giorni i prati dei parchi di Nervi: l'occasione è l'evento «Viviamo i parchi di Nervi», promosso dal Municipio Levante in collaborazione con l'assessorato al Progetto Parchi e con associazioni culturali e di volontariato. L'organizzazione ambisce a riqualificare i parchi attraverso numerose iniziative diversificate tra loro. Tre giorni di kermesse, da venerdì a domenica, dove si alterneranno momenti di intrattenimento dedicati ai più piccoli, azioni di volontariato di pulizia del parco e spettacoli rivolti sia agli adulti sia ai bambini. Ampio spazio al mondo della danza nel tentativo di riportare in auge il passato dei parchi, dove per 34 anni è stato ospitato il «Festival Internazionale del Balletto di Nervi». Il programma prevede eventi di svariato genere: uno stage di danza, un convegno ed una rassegna di spettacoli organizzati da più scuole che illustreranno diversi stili di ballo. Le lezioni del 29 maggio saranno affidate ad insegnanti di fama mondiale: per la danza moderna ci sarà Stefano Botto, mentre Gilbert Mayer dell'Opéra di Parigi, maestro del celebre ballerino Rudolf Nureyev, sarà incaricato della sessione di danza classica. Entrambe le lezioni saranno accompagnate al pianoforte da Vinicio Colella. Nello stesso giorno si potrà partecipare al convegno «Da Nervi 1955: istruzioni per l'uso, come si crea un Festival del Balletto» nella sala congressi dell'Hotel Astor di Nervi: il dibattito cercherà di individuare il modo di dare nuova vita alla rassegna che dal 2004 ha cessato di esistere, recuperando la memoria storica dell'evento. Infine il laboratorio di ballo si concluderà con la rassegna «Scuole di danza in Festival»: gli allievi di scuole provenienti da tutta Italia metteranno in scena brani coreografici di diversi stili per offrire un momento di festa aperto a tutti.
«Viviamo i parchi di Nervi» non è comunque un evento monotematico: il primo giorno della manifestazione è dedicato ai bambini di tutte le scuole del territorio levante. Nello spazio antistante Villa Grimaldi sarà messo a disposizione delle scolaresche un palco su cui presentare le performance musicali, canore e teatrali svolte durante l'anno scolastico. Sabato 30 invece l'iniziativa è rivolta più strettamente al verde e alla natura, con la «Giornata di volontariato nei parchi». Per tutta la mattina volontari di associazioni, studenti della scuola agraria e singoli cittadini potranno dedicarsi alla pulizia dell'area all'interno di Parco Serra, davanti a Villa Gropallo. Nel pomeriggio invece verrà dedicato ampio spazio agli spettacoli e al gioco. I più grandi potranno ridere alle battute del comico Enrique Balbontin, reduce dall'esperienza di «Mai dire Grande Fratello» e celebre per le sue lezioni di savonese nello show «Colorado Cafè»; i più piccoli invece avranno l'occasione di cimentarsi in una partita di calcio balilla umano nel grande campo gonfiabile messo a disposizione dall'unione sportiva Acli. Per il presidente di Municipio Levante, Francescantonio Carleo, «la manifestazione è un'occasione importante che vuole dare ampia visibilità ai Parchi di Nervi». «L'obiettivo - ha poi aggiunto Carleo - è di rivolgere i riflettori sull'area ed incentivare la collaborazione del Comune per promuovere le attività svolte sul territorio».
Di fatto non mancano le iniziative per far tornare ai vecchi splendori l'area dei parchi, polmone genovese forse non sfruttato al massimo delle sue potenzialità: è infatti in programma per la fine del mese prossimo, dal 26 al 28 giugno, una rassegna di musica jazz.