«Nessuna influenza sulle comunali»

La Moratti: «Sono due consultazioni di diverso significato»

Sabrina Cottone

Ha votato nel seggio dei vip, via della Spiga, nella sezione più vip di tutte, la numero settantatré. Letizia Moratti è arrivata con il marito Gianmarco, insieme hanno salito rapidi le scale e si sono presentati agli scrutatori. Tra i flash dei fotografi Letizia ha rischiato l’annullamento del voto: si sono lanciati appena in tempo per evitare che la scheda del Senato finisse dell’urna della Camera. Emozionata? La signora nega con decisione: «Non più delle altre volte». E anche se tutti sono in attesa del voto politico a Milano per azzardare previsioni più precise sulle amministrative, lei esclude un collegamento tra i due appuntamenti: «Non credo che il voto delle politiche abbia influenza sulle comunali. Le amministrative hanno un significato diverso, più basato, appunto, su temi amministrativi che su argomenti politici. Almeno io ho impostato il lavoro in questo senso: per dare risposte ai cittadini».
L’attesa del candidato sindaco della Cdl al momento è legata ai al numero di cittadini che decidono di partecipare al voto: «Credo che sia vero ciò che ho letto sui giornali, cioè che se c’è veramente un'affluenza significativa potrebbe esserci un risultato positivo». Nessuna dichiarazione di voto («è segreto»), ma un auspicio chiaro per lo schieramento: «Spero che vincano i valori della famiglia, della libertà». Insomma, il centrodestra. Ma senza allarmi democratici o contrapposizioni esasperate: «Chiunque sarà il presidente del Consiglio, comunque, sarà il mio presidente».
Anche ieri la Moratti ha continuato i suoi giri di ascolto e è andata a vedere i lavori dei giovani creativi della Fiera, per studiare un maggior collegamento con il mondo della produzione «come accade in Francia». E non ha escluso di vedere Vittorio Sgarbi, che si è proposto come assessore alla Cultura: «Può essere che lo incontrerò, io incontro tutti e Sgarbi è una persona che stimo dal punto di vista culturale e molte volte gli ho chiesto consiglio perché è molto preparato».