«Nessuna lite fra team e l’allenatore Woolmer»

Dopo gli interrogatori, la polizia giamaicana ha dato il permesso alla nazionale pachistana di cricket di lasciare il Paese: così ieri la squadra è sbarcata a Londra. Gli agenti di Kingston, che indagano sull’omicidio dell’allenatore Bob Woolmer, cercano un movente e, attraverso i filmati delle telecamere dell’albergo, sperano di dare un volto al killer che ha strangolato il coach dopo la sconfitta con l’Irlanda. «Negli spogliatoi e sul pullman non c’è stato alcun diverbio - ha detto il portavoce della squadra - solo un silenzio sbigottito». Woolmer si sarebbe poi ritirato in stanza dicendo al capitano Inzamam-ul-Haq (con cui ci sarebbero stati contrasti noti da tempo): «È triste che ci si debba separare così».