Nessuno vuole salvare l’antica cappella di Multedo

Ecco come si presenta oggi la Cappella del Santo Cristo a Multedo. Un luogo di culto risalente alla fine del 1600, che ormai sembra condannato a crollare visto che nessuno si decide a intervenire per tempo. Qualche anno fa il Comitato Difesa di Pegli chiese al Comune di Genova, alla Soprintendenza e alla Curia di provvedere al suo restauro: il primo rispose che non rientrava nelle sue competenze e gli altri non risposero neppure.
Eppure questa Cappella ha un valore anche storico notevole. Nel sec. XVIII essa fu posta sotto la protezione della Senato della Repubblica di Genova. Ora invece, dal momento che sembra non ci sia un solo ente che abbia il dovere (o forse la voglia) di salvaguardarla, la testimonianza di un’antica fede sarà perduta per sempre. La segnalazione che ci arriva dal lettore Marco Repetto di Pegli non risparmia neppure un timore, probabilmente molto più che fondato: «Sembra che non si aspetti altro che la cappella - dice il lettore -, scoperchiata da molto tempo e percorsa nella facciata da profonde crepe, crolli per demolirla definitivamente per recuperare l’area lasciata libera. Cui prodest?». Domanda legittima, chi ha convenienza a che la cappella crolli del tutto? La foto è persino spietata: davanti al portone della chiesetta c’è addirittura un bidone della spazzatura.