Neve e maltempo sull'ItaliaIn arrivo sulla Penisolaperturbazione dalla Siberia

A Torino le scuole sono chiuse, le temperature sono sotto lo zero. Nel genovese mezzo metro di neve, e al Giglio le ricerche sulla Concordia sono state sospese

Il maltempo sta interessando tutta la Penisola. A creare disagi è soprattutto la neve, a cui quest'anno nessuno si era preparato e che torna in Calabria, dopo alcune settimane di tregua. La neve sta spolverando i rilievi della Sila e sul resto della regione sta piovendo. Fortunatamente non sono ancora stati segnalati particolari problemi.

La neve si è presentata anche a Torino, dove si sono depositati almeno 20 centimetri. Nel capoluogo piemontese oggi le scuole resteranno chiuse, decisione del Comune su cui hanno pesato soprattutto le temperature sotto lo zero che hanno ghiacciato le strade e i marciapiedi. In altre zone del Piemonte c'è stato un black out, soprattutto nelle province di Alessandria e Asti, dove circa 9mila persone sono rimaste senza corrente elettrica a causa dei guasti provocati dalla nevicata che ha spezzato alcuni cavi dell'alta tensione. Sulle Alpi sono caduti 40 centimetri di neve. Meno sugli Appennini, una ventina. La zona più colpita è stata quella dell'entroterra genovese, dove è caduto più di mezzo metro di neve.

Maltempo anche nel resto del Nord: la bora soffia su Trieste con raffiche di 100 chilometri l'ora. Il vento forte che sta interessando la Toscana ha fatto interrompere le ricerche sulla Costa Concordia. Anche le ferrovie risentono dei disagi causati dalla neve, e per oggi hanno adottato un piano operativo che prevede la diminuzione delle corse dei treni, garantendo però comunque i collegamenti a maggiore frequentazione pendolare.

Sul Nordovest nevica praticamente in modo ininterrotto ma è previsto che il maltempo adesso si sposti sul Sud e sulle isole. Per domani è prevista una nuova perturbazione siberiana, con neve al Sud e al Centro, anche vicino a Roma.