Neve Tursi centra l’obiettivo: Genoa-Bari è sotto inchiesta

L’assessore allo Sport del Comune di Genova ha finalmente detto una cosa saggia: «È colpa di qualcuno che ha bevuto un bicchiere di troppo». Essendo ancora contro ignoti l’inchiesta aperta dalla procura della Federcalcio sul rinvio per gelo della partita Genoa-Bari, la «sentenza» di Stefano Anzalone ha il pregio di non dover individuare l’ubriacone. E pazienza se la decisione del procuratore sportivo Stefano Palazzi di indagare sul giallo del Ferraris (con conseguenti timori dei tifosi) è l’unica cosa che è riuscita a produrre la goffa autodifesa di Tursi che non ha saputo rendere agibile lo stadio perché non ha fatto le cose che obbliga ogni cittadino genovese a fare, pena salate multe. Dopo le accuse contro il resto del mondo da parte del sindaco Marta Vincenzi per i problemi causati dalla nevicata e dalla successiva gelata, l’assessore allo sport aveva fatto spedire alle «autorità» un video sul presunto boicottaggio notturno del campo di Marassi per impedire lo svolgimento della partita. (...)