New York, spara ai ristoranti del Greenwich Village: morti un cameriere e due agenti

New York - Un uomo armato ha seminato il panico in una serie di ristoranti e bar nel cuore del Greenwich Village, a New York, e ha ucciso il cameriere di una pizzeria e due poliziotti disarmati, prima di essere freddato dagli agenti. Lo ha annunciato il sindaco della città, Michael Bloomberg spiegando che l'uomo aveva la barba finta e aveva a disposizione cento proiettili.

«Questa è stata una notte terribile per il Dipartimento di polizia di New York e per la nostra città», ha spiegato il primo cittadino: «Due uomini che hanno offerto volontariamente il proprio tempo per rendere la nostra città la più sicura metropoli in America hanno perso la vita a aiutando a mantenerla esattamente in quel modo». La sparatoria è iniziata intorno alle 21 di ieri, ha aggiunto Bloomberg. Gavin, 32 anni, è entrato in una pizzeria di Greenwich Village, ha ordinato un menu e quindi ha sparato quindici volte alla schiena di un dipendente prima di scappare.

La vittima, ha riferito la polizia, si chiamava Alfredo Romaro e aveva 35 anni. Nicholas Todd Pekearo e Eugene Marshalik, due dei circa 4.500 poliziotti volontari di New York, hanno reagito alla sparatoria e si sono avvicinati a Gavin, che ha attraversato la strada e ha aperto il fuoco contro di loro. I poliziotti volontari sono civili che indossano uniformi, sono disarmati e aiutano la polizia nei pattugliamenti stradali.