Nice, debutto boom

La settimana a Piazza Affari si è conclusa con un ulteriore recupero degli indici, anche se ieri l’AllStars ha subìto una nuova limatura, e Midex e TechStar confermano i livelli di giovedì. Anche il volume degli scambi si è ridotto, rispetto ai picchi delle precedenti giornate, con 6,1 miliardi di controvalore. Pur con la cautela dovuta al fine settimana è riemerso un certo interesse per i titoli bancari (più 3,2%) dopo le dichiarazioni di Alessandro Profumo, di Unicredit, sulla possibilità di un ingresso dell’istituto nel risiko bancario; cresce anche Capitalia del 2%, mentre un maggior riserbo si nota tra le popolari. Ancora di scena la Juventus (meno 11,6%) che porta a quasi il 50% il declino avvenuto nella settimana; si riprende Roma (più 0,6%), ma soprattutto Lazio, in recupero del 10%. Qualche problema di tenuta per Fiat, scesa sotto quota 10 euro, ma ancora penalizzate Impregilo (meno 5%), a causa del no espresso da esponenti del governo al ponte sullo Stretto di Messina. Ancora male Saras che, nel secondo giorno di quotazione, ha perso il 5,3%. Avvio positivo per Nice, con un picco dell’11% rispetto al prezzo dell’Opv.