Niceta Plaja Xifra & C.

Sono dodici suore spagnole, Carmelitane della Carità del convento Casa della Misericordia a Valencia, trucidate nel 1936 in località Picadero de Paterna. La superiora era madre Niceta Plaja Xifra de San Prudencio, di Torrent (Girona), settantatré anni. Segue suor Paula Isla Alonso de Santa Anastasia, di Villalain (Burgos), stessa età. Poi abbiamo suor Antonia Gosens Sáez de Ibarra de San Timoteo, di Vitoria, sessantasei anni. Suor Daría Campillo Paniagua de Santa Sofia, conterranea della precedente e sessantatreenne. Suor Erundina Colino Vega de Nuestra Señora del Carmen, di Lagarejos (Zamora), cinquantatré anni. Suor María Consuelo Cuñado González del Santísimo Sacramento, di Bilbao, cinquantadue anni. Suor Concepción Odriozola Zabalia de San Ignacio, di Azpeitia (Guipúzcoa), cinquantaquattro anni. Suor Feliciana de Uribe y Orbe de Nuestra Señora del Carmen, di Múgica (Vizcaya), quarantatré anni. Suor Concepción Rodríguez Fernández de Santa Magdalena, di Santa Eulalia de las Manzanas (León), quarantun anni. Suor Justa Maiza Goicoechea de la Inmaculada, di Ataún (Guipúzcoa), trentanove anni. Suor Clara Ezcurra Urrutia de Nuestra Señora de la Esperanza, di Mondragón (Guipúzcoa), quarant’anni. Infine, suor Candida Cayuso González de Nuestra Señora de los Angeles, di Ubiarco (Santander), trentacinque anni. L’eccidio di queste suore fu, come ben sanno i lettori della presente rubrica, solo un goccia nel mare di sangue cristiano in cui gli atei cercarono di annegare la Spagna mentre i fogli anticlericali (quasi centocinquanta) li incitavano a fare sempre di più.
www.rinocammilleri.it