Nichi dà lavoro ai consulenti per cercare il lavoro ai pugliesi

Una nuova sprecopoli, in nome della lotta alla disoccupazione. È quanto sta accadendo in Puglia, dove il governatore Nichi Vendola (nella foto) ha raddoppiato i posti della task force per l’occupazione, un organo composto da consulenti esterni che dovrebbe gestire le vertenze e aiutare chi cerca lavoro e chi lo sta perdendo a causa della crisi. Come sottolinea ItaliaOggi la composizione dell’organo passerà da cinque a dieci membri e il suo potenziamento segue di poco la decisione della Regione di nominare sette esperti per la valutazione degli investimenti regionali. Il tutto mentre Vendola definisce la manovra «un atto di guerra contro l'Italia», e parla di misure punitive per gli Enti locali. Elena Gentile, assessore regionale al Lavoro, ha difeso la scelta di aumentare la task force, ricordando le numerose vertenze che l’hanno impegnata in queste settimane. Impegno che, detto per inciso, non è sempre stato risolutivo. Certo, a voler essere onesti, almeno un risultato contro la disoccupazione la task force l’ha raggiunto. A beneficio dei cinque neo assunti.