Nickel e petrolio sotto tiro

La decisione della Borsa metalli di Londra di porre limiti alla speculazione sul nickel, per evitare il rischio di fallimento degli intermediari, ha prodotto un primo risultato. Il prezzo (contanti) del metallo è ridisceso dal picco storico di mercoledì finendo a 32.200 dollari per tonnellata. Sotto tiro il greggio che soffre la tregua in Libano. Così il future del Wti è sceso sotto i 71 dollari al barile, ai minimi bimestrali. Debole l'oro a 625,50 dollari condizionato dal raffreddamento dell'inflazione su scala globale.