Nidi e materne, già azzerate le liste d’attesa

Dimezzate le liste d’attesa per l’iscrizione agli asili nido, materne e sezioni primavera. Dopo l’allarme lanciato un mese fa, il vicesindaco Maria Grazia Guida, che ha anche la delega all’Istruzione, sostiene che grazie «alla mancata conferma delle iscrizioni» e «alla capacità dell’attuale amministrazione di recuperare nuovi posti», l’elenco dei bambini ancora da inserire è sceso da 2.842 a 1.392. Apertura di nuove sedi, ampliamento di quelle esistenti, aumento delle convenzioni con i nidi privati e incremento delle sezioni primavera, le strade seguite dalla giunta. «Finora - fa il conto - i bimbi accolti nei nidi sono stati 9.925, contro i 9.984 dell’anno precedente e 21.943 quelli accolti nelle scuole d’infanzia, contro i 21.900 dell’anno scorso. I dati però sono in continuo aggiornamento e nei prossimi mesi verranno inclusi altri bambini ancora in lista d’attesa». In particolare la quota è scesa da 1.540 a 694 per i nidi; da 611 a 400 per le scuole d’infanzia; da 573 a 199 per gli anticipatari (i bambini tra i 2 anni e mezzo e i 3 anni e mezzo che possono anticipare la frequenza alle scuole d’infanzia); da 118 a 99 per i non residenti.