Niente email: risponde solo con cartoline

Le battaglie ecologiste di Stephanie Mills hanno obiettivi precisi: l’hybris tecnologica, la perdita di «contatto» con il pianeta Terra. Per lei, attivista e scrittrice, vale il mito della «vita semplice», ma vale anche il controllo delle nascite, tanto che a vent’anni dichiarò: «Sono terribilmente rattristata che la cosa più umana che io possa fare sia non avere dei figli». Per lei l’umanità è destinata al suicidio a causa della sovrappopolazione e dell’abuso delle risorse naturali. Viveva in California, ma si è trasferita in una zona rurale del Michigan, per un problema di «relazione» troppo poco intensa con la realtà. L’ha spiegato in una intervista a First Monday, realizzata grazie a uno scambio di cartoline andato avanti per quattro mesi. Perché non usa né computer, né internet: per non «disperdere» la qualità delle amicizie e dei legami umani.