«Niente imposte ai giovani borsisti»

Borsisti «esentasse» fino a 12mila euro. A lanciare l’appello al governo, per una Finanziaria più attenta alle esigenze dei giovani scienziati italiani, è il farmacologo Silvio Garattini, fondatore e direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano. «Nello stabilire la No-Tax area secondo la nuova manovra - spiega - il governo ha dimenticato di aiutare una categoria che può, in tutti i sensi, considerarsi orfana: quella dei borsisti. Si tratta di giovani che a prezzo di notevoli sacrifici si dedicano a un aumento delle conoscenze, e che rappresentano il futuro della classe dirigente del Paese».