Niente manifesti E a Savona il Pdl «frega» i cartelloni al Pdci

A seguito della riammissione del Pdl alle elezioni provinciali e al rifacimento del sorteggio per la posizione nelle plance per la propaganda elettorale, il Partito dei Comunisti Italiani, estratto al numero 22, «si trova nella condizione di subire un grave danno dal fatto che i Comuni non hanno ancora installato la suddetta plancia e, di conseguenza, non è in grado di affiggere i propri manifesti elettorali». È quanto si legge in una nota della segreteria provinciale savonese del Pdci. «Il danno è ancor più grave trattandosi del Pdci - prosegue la nota -, un partito piccolo e che neanche si sogna di avere i mezzi economici di quel Pdl il cui comportamento ha provocato tutto questo pasticcio. L’auspicio è che tutti i comuni rimedino al più presto».