«Niente processi, torneremo bellissimi»

Spalletti: «Contro il Cagliari dobbiamo solo vincere, la Roma è squadra ambiziosa»

Perrotta convocato, Taddei ancora fermo ai box. Comincia così, con due inattese sentenze legate alle convocazioni, la lunga attesa per Roma-Cagliari, sfida in programma alle 20.30 allo stadio Olimpico. Perché l’incursore di centrocampo veniva dato fra gli acciaccati e il brasiliano arruolabile. Macchè, i pendolini stavolta non hanno funzionato, alla stregua di qualche cronista al seguito della squadra, che ieri è stato bacchettato da Luciano Spalletti, infastidito quando s’insinua un suo modo errato di impostare gli undici in campo. «Siamo stati criticati dopo il derby - ha sottolineato - pur avendo fatto tre gol su azione bellissimi, e a Empoli ne abbiamo fatti due altrettanto belli. La squadra produce, a volte è disattenta e gli altri sono bravi a sfruttare le piccole disattenzioni, ma basta polemiche siamo sulla strada giusta per realizzare ottime prestazioni, nessun timore torneremo bellissimi. E contro il Cagliari abbiamo l’obbligo di vincere perché abbiamo grandi ambizioni».
Quella contro gli isolani diretti da Marco Giampaolo appare come una sfida abbordabile: i cagliaritani (che non vincono dalla sesta giornata) formano una squadra giovane e dalle prospettive interessanti, ma acerba al confronto d’un caterpillar come quello giallorosso. Nel quale dovrebbe spiccare, almeno oggi, l’ex di turno, Mauro Esposito, tornante campano finora tenuto in naftalina per motivi fisici. «Di lui - ha spiegato l’allenatore toscano - abbiamo una buona considerazione, anche se fino ad oggi ha giocato poco. Ma bisogna considerare che è reduce da un infortunio non semplice da recuperare». Giocherà Doni fra i pali, con Panucci e Tonetto cursori di fascia, Mexes e Juan centrali di difesa e la consueta diga di centrocampo composta da Pizarro e De Rossi. Poi, affiancati alla new-entry Esposito, agiranno Mancini a sinistra e Perrotta immediatamente alle spalle del montenegrino Vucinic, al quale si chiede una prova-riscatto dopo quella di Empoli, fin troppo incorniciata dagli errori. Arbitrerà il signor Daniele Orsato, all’ottava direzione di gara in A e al debutto con entrambe le formazioni. Chiusura di sipario con un nuovo inno romanista, motivo orecchiabile ideato e cantato da Rocco Nobile e ascoltato in anteprima ieri su Rete Sport.