Niente sconti per lo sputo di Lavezzi, Napoli si ribella

Ora Napoli si sente accerchiata: «Pañolada domenica sera e poi andiamo a vincere a Milano», scriveva ieri uno dei siti più vicini al tifo partenopeo. Il motivo è la conferma delle tre giornate di squalifica a Lavezzi per lo sputo a Rosi, che ha questo punto salterà il big match contro il Milan di settimana prossima: una decisione che ha irritato Napoli e il Napoli. «Rimane inammissibile l’acquisizione del filmato, non doveva essere assolutamente utilizzata quella prova. Un vero e proprio colpo di scena, un caso unico nel calcio: tra colleghi e non colleghi sappiamo che è inammissibile, è irrituale. Le immagini sono più chiare ma non danno alcuna certezza assoluta. De Laurentiis è amareggiatissimo, ma purtroppo non abbiamo alternative», il primo commento dell’avvocato Mattia Grassani.
Chiaro il riferimento al colpo di scena che ieri ha permesso alla Corte di Giustizia Federale di confermare la squalifica del Pocho. Il club partenopeo si era presentato all’udienza sicuro delle proprie ragioni perché dal filmato di Sky non era chiaro lo sputo di Lavezzi. In realtà in aula la Procura Federale ha esibito un nuovo filmato estrapolato dalla trasmissione Controcampo che ha tolto ogni dubbio. E così la difesa del Napoli si è trovata spiazzata: «La delusione è tanta - conclude l’avvocato Grassani -: oggi ci siamo trovati davanti un filmato diverso da quello visionato fino ad ora. C’era il filmato di Controcampo commentato da Paparesta: chiaramente ci siamo trovati spiazzati».