Niente scontrino, chiusi tre esercizi commerciali

Tolleranza zero per i negozianti che non emettono lo scontrino fiscale. Arrivano le prime chiusure di esercizi commerciali in Liguria per la mancata emissione del ticket, con provvedimenti in corso di esecuzione per due negozi a Genova e uno a Sanremo. «La normativa in vigore dal 2007 - spiega una nota della direzione regionale dell'Agenzia delle Entrate - prevede la chiusura per almeno tre giorni delle attività commerciali cui l'amministrazione finanziaria contesti per tre volte la mancata emissione di ricevuta o scontrino fiscale nell'arco di cinque anni». A differenza che nel passato, è sufficiente la «contestazione», senza la necessità di attendere il «definitivo accertamento che dilatava oltre misura i termini. Inoltre - aggiunge la nota - non è più necessario che le violazioni siano accertate in tempi diversi, ma possono essere contestate unitariamente: perciò è sufficiente che i funzionari dell'Agenzia delle Entrate individuino in una stessa giornata tre clienti privi di scontrino per far scattare il provvedimento». Le chiusure appena disposte (due panifici a Genova e un esercente di Sanremo) si aggiungono agli altri provvedimenti di chiusura, in base alla precedente normativa, che porteranno alla «chiusura forzata» altri sei esercizi (uno ad Albenga, uno ad Andora, due a Ceriale e due a Chiavari), in settori che vanno dall'abbigliamento alla ristorazione e agli alimentari.