Niente ticket nel 2008 Poi decidono le Regioni

P er la sanità, nessun ticket quest’anno e nessun intervento sulla spesa fino al 2010, assicura il ministro del Welfare Maurizio Sacconi. «Tutto ciò che riguarda il 2009, sia le regole che le risorse, non subisce alcuna modifica», spiega il ministro. Dunque niente ticket per quest’anno, e quanto all’anno prossimo le decisioni spetteranno alle Regioni. Resta dunque valida la norma prevista dal governo Prodi: a partire dal 2009 la decisione se introdurre o meno il ticket spetterà a ogni singola Regione, in base alle proprie compatibilità economiche.
La manovra sulla spesa sanitaria è concentrata nel biennio 2010-2011. Nel 2010 ci sarà un intervento da due miliardi di euro, che salirà a quota tre miliardi l’anno successivo. Allo stesso tempo aumenteranno gli stanziamenti per il servizio sanitario nazionale grazie a una nuova intesa Stato-Regioni da raggiungere entro il prossimo 31 luglio. Inoltre, per sbloccare il rinnovo dei contratti dei medici di base è stato stanziato un investimento di 322 milioni, così ripartiti: 184 milioni di euro per il 2009, 69 milioni per il 2010 e altri 69 milioni per il 2011. Risorse che dovranno servire anche per l’attuazione del progetto «tessera sanitaria», il collegamento telematico in rete dei medici e per la «ricetta elettronica».