Nigeria, la denuncia: 400 bimbi morti a causa del piombo

Un responsabile di Msf: "Avvelenamenti  nello stato di Zamfara". I primi casi emersi
qualche mese fa, dopo che dei cercatori d’oro di ritorno da una miniera hanno portato con sè nei loro villaggi dei pezzi di
roccia senza sapere che erano contaminati. Secondo l’Onu circa 18.000 persone sono state avvelenate dal piombo nella
zona

"Oltre 400 bambini" sono morti per avvelenamento da piombo nel nord della Nigeria nel corso degli ultimi sei mesi. Lo ha denunciato uno dei responsabili dell’organizzazione Medecins sans frontieres (Msf), El Shafii Muhammed Ahmad. "Secondo le cifre dei decessi per avvelenamento da piombo, più di 400 bambini sono morti negli ultimi sei mesi", nello Stato di Zamfara, ha dichiarato Ahmad, coordinatore per Msf a Anka, una città di questo Stato. "Ma noi di Msf riteniamo che la cifra sia ben più elevata", ha aggiunto, spiegando che numerosi casi di avvelenamento non sono stati registrati perché non identificati come tali dalla comunità colpite. I primi casi di avvelenamento sono emersi qualche mese fa, dopo che dei cercatori d’oro di ritorno da una miniera hanno portato con sè nei loro villaggi dei pezzi di roccia senza sapere che erano contaminati. Secondo l’Onu circa 18.000 persone sono state avvelenate dal piombo nella zona.